La Battaglia della mente

pensiero-volontario-involontario

 

SETTEMBRE 2015

E’ possibile pensare in modo così simile a Cristo che le nostre menti operano su un pianeta diverso da quelli che ci stanno attorno?
Non solo è possibile, ma è essenziale!
Smettiamo di imitare, copiare il sistema di pensiero del mondo che ci circonda, la sua linea di ragionamento, il suo modo di operare, il suo stile e la sua tecnica!
Vivere in modo diverso comincia dal pensare in modo diverso.

BARRIERE MENTALI ALLA VOCE DI DIO

2° Corinzi 10: 4-5 da una vivida descrizione delle barriere mentali che bloccano le Sue direttive e il Suo consiglio. Ci sono 4 termini usati da Paolo che sono da sottolineare: fortezze, argomentazioni, altezza, pensiero.

2° Corinzi 10:4 “…perché le almi della nostra guerra non sono carnali, ma potenti in Dio a distruggere le fortezze, affinché distruggiamo le argomentazioni ed ogni altezza che si eleva contro la conoscenza di Dio e rendiamo sottomesso ogni pensiero all’ubbidienza di Cristo”.

E’ necessario un pò di background storico. Nei tempi antichi una città per poter prosperare aveva bisogno di un sistema di sicurezza per proteggerla dagli attacchi nemici. Una cosa di primaria importanza era il muro che impediva l’invasione delle truppe nemiche ed anche serviva come grande mezzo di difesa in battaglia. I soldati dovevano costantemente montare la guardia dalle loro postazioni di sentinella sulle mura.

All’interno della città era necessario ci fossero delle torri alte a sufficienza affinché coloro che erano all’interno della città potessero vedere oltre le mura.

Ed infine, nel momento dell’attacco, c’era bisogno di uomini con buon senso militare e conoscenza della battaglia che dessero ordini e dirigessero le truppe nel caldo della battaglia stando all’interno della protezione di quelle torri.

Paolo prende una serie di analogie da quella scena familiare di quei tempi paragonandola alle nostre menti.

ANALOGIA N. 1: LE MURA, le nostre fortezze mentali.
Quando lo Spirito di Dio cerca di comunicarci la Sua verità si trova davanti le nostre “mura”, la nostra attitudine mentale nel suo complesso, il nostro modo di pensare naturale.

Per alcuni si tratta di pregiudizio, con altri è un modo di pensare limitato o una mentalità negativa. Qualunque cosa sia, è una enorme barriera mentale che resiste all’input divino così come delle mura massicce di pietra resistevano all’invasione del nemico.

Tutti noi abbiamo le nostre fortezze. A volte diventiamo pure sgradevoli quando operiamo sotto il controllo delle nostre “fortezze murate”.

ANALOGIA N. 2: LE GUARDIE, le nostre argomentazioni mentali.
Insieme alle nostre fortezze abbiamo che il nostro ragionamento naturale e umanistico che da alle mura maggiore forza: meccanismi di difesa, razionalizzazione, ed altri modi di pensare che ci sono abituali.

In Romani 2:15 leggiamo di due di queste “guardie”: accusare e scusare.
Il “An expository dictionary of new testament words” afferma che il termine greco tradotto con “argomentazioni” suggerisce “la contemplazione di azioni quale risultato del verdetto della coscienza”.

Così quando il Signore spinge la Sua verità per farla entrare nelle nostre menti, il nostro riflesso “fa la guardia” all’entrata di pensiero così estraneo!

Questo spiega perché c’è cosi spesso una tale battaglia in corso quando la verità biblica viene introdotta in una mente che è stata fortificata con mura e sentinelle. Difendiamo il vecchio invece di considerare e accettare il nuovo.
Le nostre “argomentazioni” lavorano in questo modo. Mettono una sentinella contro il cambiamento, facendoci razionalizzare e giustificare (scusare) le nostre azioni.

ANALOGIA N. 3: LE TORRI, le nostre altezze mentali.
Ad accompagnare la resistenza delle nostre mura e guardie interiori ci sono le altezze che rafforzano il nostro sistema di di difesa dall’interno.

Da I’idea di qualcosa che viene innalzato o esaltato.

Cosa viene alla nostra mente ora? Che ne dite dell’orgoglio? E di quelle cose che l’orgoglio causa: argomentazioni, uno spirito non insegnabile, testardaggine e rifiuto di cambiare?

Mentre i principi delle Scritture vengono dichiarati, le nostre menti naturali non solo li resistono, ma domandano: “Chi ha bisogno di quello?” oppure “Me la sono cavata abbastanza bene fino ad ora”.
Altezze: cose che sono “innalzate contro la conoscenza di Dio”, come Paolo le descrive.

ANALOGIA N. 4: L’UOMO STRATEGICO, i nostri pensieri mentali
Insieme alle mura mentali di resistenza abituale, il ragionamento umanistico che gli da forza e le reazioni orgogliose e “alte” che tengono a distanza le verità delle Scritture, ci sono pensieri, tecniche e meccanismi acquisiti che usiamo per allontanare la Sua Parola e i Suoi Suggerimenti.

Ad esempio, quando Dio ci incoraggia ad essere generosi, a rilasciare piuttosto che trattenere, possiamo pensare a una dozzina di motivi per cui la cosa non può funzionare. la nostra mentalità è pronta ad entrare immediatamente in azione.

Questo ci trattiene dal decidere in modo favorevole verso Dio. La nostra vecchia natura resiste a TUTTI i messaggi che vogliono darci libertà. Il vecchio uomo comanda: “Tutte le informazioni per rinnovare la mente devono essere soffocate”.

E con ogni sforzo alza mura, guardie, torri e pensieri per allontanare un tale input.
Vi rendete conto a cosa la nostra vecchia natura oppone maggiore resistenza? E’ in 2° Corinzi 10:5 “…rendiamo sottomesso ogni pensiero all’ubbidienza di Cristo”. Quando questo avviene la mente rinnovata è pienamente in azione …ed è meraviglioso!

Quando Gesù Cristo prende veramente il comando delle nostre menti, sottomettendo ogni pensiero a Lui, diventiamo spiritualmente invincibili.
Operiamo con potenza soprannaturale. Camminiamo sotto il controllo completo di Dio.

Dio promette che riverserà la Sua potenza in noi (Filippesi 4:13) e supplirà a tutto ciò che abbiamo bisogno, se noi semplicemente operiamo sotto il Suo pieno controllo.
Quando pensiamo correttamente, iniziamo istantaneamente a rispondere correttamente.

…ora il diario del mese…

Un momento particolarmente incoraggiante è stata la partecipazione alla conferenza per Leaders a Roma promossa da Francesco Basile. Ho potuto incontrare molti fratelli che era da anni che non vedevo.  11222114_10206010967091935_6829481538587119602_n 11225384_10206008821518297_2589615449002634924_n 11260411_10206008823718352_8400193753345544242_n  11938319_10206010081509796_5030050721516479957_o 11952698_10206014411538044_5261819904759635104_o 11952739_10206008820518272_2525753360257217185_o 11953306_10206006008047962_2743464774036524429_o 11988611_10206008824038360_4936380707258766989_n 11998930_10206008823198339_5949253931831513978_n 12001070_10206010081189788_1797043413656187455_o 12002286_10206008819318242_8622928567554188768_n 12002388_10206010080309766_4659067428536773463_o 12002823_10206008823438345_7015664606496670260_n 12010577_10206014415498143_5360963678443742245_o 12022445_10206008820958283_6784623697904326894_o

T

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.