Nozze? Funerale? Dedicazione dei bambini? 10 punti da considerare per le occasioni speciali.


Scrittura: Matteo 19: 13-15 , Luca 16: 19-30
________________________________________
Predicare a un matrimonio, a un funerale, a un battesimo, a una dedica per bambini o ad altre occasioni speciali è un’ottima occasione per predicare a persone che normalmente non sarebbero sedute in chiesa. Ecco 10 suggerimenti su cui riflettere.

1. Non riguarda te – Non cercare di attirare l’attenzione su di te. A un matrimonio, le persone sono lì per la coppia. Ad un funerale si tratta del defunto e della sua famiglia. Non riguarda te. Non cercare di attirare l’attenzione a modo tuo. Un servizio cortese agli altri fa molto.

2. Non è il momento di essere intelligenti – Non predicare in maniera usuale a un funerale. Non tentare una complessa dimostrazione scientifica per un’illustrazione in un sermone di nozze. Ci sono momenti in cui predicare con creatività e originalità, ma l’occasione speciale non è una di quelle volte.

3. È un buon momento per comunicare il Vangelo, delicatamente – A meno che non sia fortemente invitato, l’approccio migliore è la preghiera evangelica, una presentazione benevola. Le persone in genere hanno bisogno di più di un’esposizione, quindi probabilmente non è il momento per una chiamata all’altare, ma è un momento chiave per coloro che sono presenti. Ricorda che spingendo troppo forte non aumenta l’efficacia del Vangelo, ma potrebbe aumentare l’impatto negativo per coloro che non rispondono.

4. I tuoi ascoltatori abituali non hanno bisogno di originalità – Se hai bisogno di dire cose che sono familiari ai tuoi ascoltatori abituali, così sia, sapranno cosa stai facendo.

5. Non presentarti come un punto vendita – Ci incontriamo in questo momento,ma ci piacerebbe vederti domenica prossima, ecc. Servi le persone a sposarsi, a seppellire una persona cara, a battezzarsi o altro; non far sembrare che tu stia approfittando di questa occasione per il bene della chiesa.

6. Dimostrare gentilmente che questo non è un servizio a noleggio – I visitatori possono presumere che tu stia parlando perché hanno pagato una tassa e quindi ti sei presentato. Se conosci le persone coinvolte, lascia sicuramente passare un po ‘di umanità in modo che i visitatori sappiano che conosci le persone coinvolte.

7. Personalizza dove puoi – C’era un passaggio o un inno preferito per il defunto? La persona che si battezza ha un passaggio preferito della scrittura? .Ho parlato del battesimo a una signora e gli ho chiesto proprio questo: la sua risposta , amava l’epistola di Giacomo. Così ho digerito e predicato l’insegnamento di Giacomo. Feci spazio per conversazioni su un territorio familiare con i molteplici ospiti che venivano a vedere il suo battesimo.

8. Riconosci l’unicità dell’occasione – Puoi fare molti matrimoni, funerali, battesimi, ecc., Ma questa è un’occasione davvero speciale per tutti i soggetti coinvolti. Prega di conseguenza. Predicare di conseguenza. Non avere un sermone funebre da spremere in nessun funerale. Non parlare come se un noto peccatore fosse un santo segreto. Non predicare sul matrimonio con una coppia di “anni d’oro” come se avessero vent’anni.

9. Osserva la lunghezza del sermone – In genere è saggio essere più brevi di quanto si farebbe in una domenica normale, ma non è così semplice come “essere più brevi di quanto i visitatori si aspettino”. Se hanno un’esposizione limitata ad alcuni sfondi della chiesa, allora qualcosa di più di sei minuti è troppo lungo. Ma riconoscendo questo avvertimento, generalmente è meglio predicare per 15-20 minuti che 35-45 in un’occasione speciale.

10. Minare saggiamente le aspettative: possono aspettarsi situazioni formali; questo non significa che dovresti provare a scioccare con il tuo abbigliamento o il tuo vocabolario. Tuttavia, un messaggio sinceramente sentito con calore e sincerità può scuotere il loro mondo. Fallo.

C’è molto di più che si possa dire qui … sentiti libero di aggiungere la tua esperienza, osservazioni e pensieri .

Scritto da Peter Mead (sito web: BiblicalPreaching.net )
Peter Mead è coinvolto nel gruppo dirigente di una chiesa nel Regno Unito. È direttore di Cor Deo, un innovativo programma di addestramento per il ministero, ed insegna sulla predicazione . Ha anche un blog su BiblicalPreaching.net e di recente autore Pleased to Dwell: A Biblical Introduction to the Incarnation (Christian Focus, 2014). Seguilo su Twitter .

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.